PDF Stampa E-mail
Scritto da Marco   

Un incontro con i bambini di Sipicciano (VT)

Educazione ambientale

Nel mese di marzo 2008 ci siamo occupati della potatura e della messa in sicurezza delle branche di un maestoso pino domestico a Sipicciano, in provincia di Viterbo. Il pino si trova nel cortile della locale scuola elementare e dell'infanzia. I bambini si sono subito incuriositi a quello che facevamo, sospesi sulle corde, al loro pino.

Ogni volta che calavamo un ramo appena potato sentivamo gli applausi provenire dalla scuola! Quando infine ci hanno regalato i disegni che avevano disegnato di noi appesi alle corde al pino e con le motoseghe in mano abbiamo deciso che sarebbe stato divertente fare una breve lezione di educazione ambientale!

Particolare di rotella di abete rosso in cui si nota l''accrescimento dei primi 100 anni molto ridotto.Così, armati di una rotella di abete rosso (vedi foto), di qualche materiale didattico e della complicità di maestre e maestri abbiamo riunito tutte le classi elementari e dell'asilo. L''incontro è cominciato parlando del ciclo delle piante, dal seme, alla piantina, al fiore, al frutto. Abbiamo parlato di come cresce una pianta, specialmente un albero, del suo accrescimento primario (in altezza) e secondario (in diametro). Questo ci ha portato a descrivere come la pianta mangia (con la chioma) e beve (con le radici) e come a volte la chioma cresca un pò troppo e di come ci sia il bisogno di ridurla, proprio come stavamo facendo al pino della scuola. Infine abbiamo simulato in pratica come si accresce l'albero. Attorno ad un bastone di legno abbiamo cominciato ad avvolgere strati di feltro chiari per simulare il legno primaticcio (primaverile), più scuri e sottili per simulare il legno tardivo (autunnale). Anno dopo anno l''albero si è accresciuto persino subendo una ferita da incendio!

Alla fine, momento doloroso, abbiamo tagliato l'albero e mostrato a tutti la sezione trasversale, proprio come quella degli alberi veri!

Quanti anelli vediamo? Quanti anni ha l'albero?

Contatta Dendrocultura per qualsiasi consulenza.