PDF Stampa E-mail
Una tomografia di un gelso

Arbotom

Uno strumento avanzato per l'analisi di stabilità

Durante la valutazione della stabilità di un albero può capitare che la sola analisi visiva non sia sufficiente. Quando si sospetta la presenza di difetti strutturali a carico del fusto o delle branche occorre approfondire la diagnosi mediante opportuna strumentazione.

Gli strumenti idonei alla indagine strumentale sono svariati:

  • La carota: semplice estrazione di una "carota" di legno mediante succhiello di Pressler ed esame visivo alla ricerca di difetti nel legno
  • Il frattometro: misurazione del momento di flessione di una carota
  • Il martello ad impulsi: misurazione della velocità di un'onda sonora che percorre una linea trasversale al tronco 
  • Il Resistograph: misurazione del consumo di energia per la perforazione di un tratto nel tronco
  • L'Arbotom: misurazione non invasiva della velocità dell'onda sonora su molteplici punti del fusto

Dendrocultura esegue analisi di stabilità strumentali avvalendosi estensivamente dell'Arbotom. Esso permette di restituire una mappa tomografica (come in figura) della sezione del fusto o della branca mettendo in evidenza

  • la presenza,
  • la collocazione,
  • l'estensione

di eventuali difetti strutturali.

Il legno è un materiale anisotropo, la velocità di un'onda sonora che lo attraversa in senso trasversale è circa costante lungo tutta la sezione ma varia a seconda della specie arborea:

  • circa 1.000 m/s nei legni a bassa densità (come molte conifere),
  • circa 1.500 m/s nei legni ad alta densità (come il leccio, per esempio).

Quando si registra una velocità inferiore a quella caratteristica per il tipo di legno in esame, è possibile che l'onda abbia trovato una zona con difetti strutturali (per esempio del legno cariato) ed abbia deviato il proprio percorso, risultando in una velocità media inferiore a parità di diametro della sezione. Eseguendo molteplici misure di velocità su una stessa sezione contemporaneamente l'Arbotom interpola la cosidetta mappa tomografica della sezione.

Un esempio di indagine con l'Arbotom

Scarica una mappa tomografica di esempio (formato jpeg) fornita dall'analisi mediante Arbotom di un esemplare di gelso.

Alla analisi visiva il gelso presentava una parte cava visibile a ca. 1,5 m di altezza che richiedeva di essere quantificata mediante analisi strumentale alla base dell'albero. Nella mappa tomografica, eseguita a 60 cm di altezza, è evidende come il fusto presenti una zona pressocché cava nella zona centrale e verso Est. Nonostante ciò lo spessore di legno sano presente all'esterno ne assicura ancora la stabilità. In questo caso l'Arbotom ha consentito di concludere che il gelso era ancora sufficientemente stabile da non dover essere abbattuto, nonostante il suo tronco fosse cavo.

Dendrocultura raggruppa professionisti forestali che si dedicano alla cura degli alberi di alto fusto, anche in tree-climbing.

Contatta Dendrocultura per qualsiasi consulenza.