PDF Stampa E-mail

Che cos'è la classificazione F.R.C.

La classificazione F.R.C. (Failure Risk Classification) è alla base di una corretta determinazione degli interventi prioritari. Suddividendo le piante in categorie di rischio predefinite è possibile standardizzare le procedure di monitoraggio e messa in sicurezza di esemplari arborei.
Questa classificazione consente di pianificare nel modo più corretto gli interventi manutentivi e di monitoraggio finalizzati al mantenimento di esemplari arborei in una situazione, se non di totale sicurezza, almeno di rischio controllato.

Le classi di rischio

  • Classe A: Vengono inseriti in questo gruppo tutti i soggetti che non manifestano né difetti di forma riscontrabili con il V.T.A. (Visual Tree Assessment), né significative anomalie rilevabili strumentalmente. Per tutti questi soggetti è necessario effettuare un controllo visivo speditivo biennale. I rischi di schianto e di caduta sono legati ad eventi statisticamente non prevedibili.
  • Classe B: Su questi soggetti l'osservazione visiva e l'indagine strumentale hanno rilevato lievissimi difetti di forma e piccole anomalie strutturali. Per questi soggetti si rende necessaria un'analisi visiva minuziosa a cadenza biennale. I rischi di schianto e di caduta sono sostanzialmente riconducibile a quelli del gruppo A.
  • Classe C: Soggetti con significativi difetti di forma e/o strutturali verificabili strumentalmente. Il rischio in questi casi può essere un ulteriore aggravamento delle anomalie riscontrate. Si rende necessario un minuzioso controllo visivo a cadenza annuale unitamente ad un'indagine strumentale.
  • Classe C-D: In questa categoria vengono inseriti tutte le piante con gravi anomalie strutturali e/o morfologiche. L'abbattimento di questi soggetti può essere evitato intervenendo con opportune operazioni finalizzate alla messa in sicurezza degli stessi (riduzione chioma, consolidamento, etc.). Deve essere effettuato un monitoraggio periodico (semestrale) al fine di rilevare aggravamenti delle condizioni già precarie.
  • Classe D: Fanno parte di questa categoria tutte quelle piante che per difetti strutturali e/o morfologici riscontrati devono ascriversi alla categoria statisticamente ad alto rischio di caduta e schianto. Per questi soggetti, la cui prospettiva di vita è gravemente compromessa, ogni intervento di risanamento risulterebbe vano. Le piante appartenenti a questo gruppo devono essere abbattute.

Contatta Dendrocultura per qualsiasi consulenza.